Olio di cannabis ed emicrania: il CBD come alternativa delicata alle droghe pesanti?


Conosci la sensazione quando qualcuno ti batte contro le tempie? Trovi la luce estremamente luminosa e ti fa stare male?

Chiunque soffra di emicrania sa quanto può essere grave un attacco di mal di testa. Questo è di solito trattato dal punto di vista medico. Ci sono dichiarazioni accumulate che puoi leggere online CBD aiuta con le emicranie.

Andiamo a fondo di questo oggi! È già noto che la marijuana o la cannabis possono aiutare contro l'emicrania. È interessante se funziona senza il componente THC.

Le cause di emicrania

Veramente provato e scientificamente provato, le cause dell'emicrania non lo sono. Tuttavia, sono noti alcuni fattori scatenanti che favoriscono l'emicrania.

Innanzitutto, la mancanza di sonno e lo stress si innesca. Inoltre, è stata riscontrata una maggiore suscettibilità nelle donne prima che ottengano il ciclo mestruale. Uno stile di vita e una dieta non salutari aumentano anche la possibilità di questi gravi attacchi di mal di testa. Questi includono astinenza da caffeina, ipoglicemia attraverso il digiuno, assunzione di cibo irregolare e bere troppo poco.

Durante l'assunzione di farmaci con composti nitro, è stata osservata anche una maggiore vulnerabilità all'emicrania.

Cosa succede con un'emicrania?

Il cervello cambia molto durante un'emicrania: le reti nervose sono irritate, il metabolismo è cambiato e una sostanza messaggera nel sangue (CGRP) assicura una trasmissione del dolore più intensa.

Alcune persone hanno già notato un attacco due giorni prima, altre solo poche ore prima. Questa fase è caratterizzata da irritabilità, affaticamento, voglie, sensibilità alla luce e problemi di rumore e concentrazione.

Alcuni malati di emicrania segnalano un'alterata percezione della vista, disorientati, disturbi dell'equilibrio o disturbi del linguaggio. Nella cosiddetta fase del mal di testa, i malati soffrono di mal di testa estremamente grave, che è spesso accompagnato da nausea o vomito. È sorprendente che il dolore si verifichi spesso solo più della metà. Questa fase del dolore dura tra 4 ore e tre giorni.

Gli adolescenti che soffrono di attacchi di emicrania hanno un corso più breve. Principalmente, l'emicrania si verifica negli adulti di età superiore a 35 anni.

Durante la durata di un'emicrania, prendi principalmente medicinali che aiutano a combattere il dolore, la nausea e l'infiammazione. A seconda della loro gravità, i medici prescrivono diversi medicinali che hanno un effetto benefico sui sintomi. Coloro che assumono in modo permanente antidolorifici dovrebbero considerare che il forte mal di testa può essere un effetto collaterale.

CBD per la prevenzione dell'emicrania

Se stai lottando regolarmente con l'emicrania, dovresti esaminare le cause. I principali fattori scatenanti sono lo stress, uno stile di vita malsano e disturbi del sonno per un attacco.

Gli sport di resistenza regolari e una routine quotidiana strutturata spesso aiutano a ridurre la frequenza delle emicranie. In alcuni rapporti, che puoi leggere online, è chiaro che il CBD aiuta molto bene contro l'emicrania.

Il CBD è un substanc attivoe dalla pianta di cannabis che non provoca uno stato rumoroso e non è psicoattivo.

Questa sostanza non è coperta dalla Legge sui narcotici per i prodotti contenenti cannabidiolo, assicurarsi che il THC sia inferiore a 0.2%.

Alcuni ricercatori sono convinti che l'effetto dell'olio di CBD abbia un effetto rilassante e analgesico ed è quindi ideale per la prevenzione dell'emicrania.

Tuttavia, attualmente non sono disponibili prove mediche approvate ufficialmente. La ricerca di questo cannabinoide è ancora agli inizi, ma alcuni studi suggeriscono che questo farmaco alla cannabis allevia effettivamente molti sintomi e condizioni. Finora non ci sono effetti collaterali reali. Tuttavia, durante la gravidanza o l'uso concomitante di altri farmaci, in ogni caso, è necessario consultare un medico, a causa di possibili interazioni.

Studi sul CBD nell'emicrania

I dati specifici sono in qualche modo limitati a causa della piccola dimensione del campione e della semplice mancanza di studi sul solo CBD (al contrario della marijuana medica del tutto). Come accennato in precedenza, l'olio di CBD puro non è stato specificamente studiato per i suoi effetti sull'emicrania ma ha mostrato un effetto promettente sull'emicrania in associazione con THC. Nel frattempo, ci sono alcuni promettenti dati clinici su come il CBD e la marijuana medica possano influenzare il dolore cronico e altre condizioni mediche.

Per esempio:

In uno studio 2012, il CBD è risultato efficace nell'alleviare alcuni tipi di dolore e infiammazione cronici, inclusi quelli associati a artrite e sclerosi multipla.

In 2016, un sondaggio condotto dalla farmacoterapia ha rivelato che la "marijuana medica" (sebbene il CBD isolato o a spettro completo non facesse parte di questo studio) può ridurre la frequenza dell'emicrania. In questo studio, gli utenti hanno riportato una riduzione delle emicranie da 10.4 a 4.6 al mese.

Uno studio 2009 ha trovato prove che i composti di cannabis possono essere utili nel trattamento del dolore nei consumatori di oppioidi a lungo termine che vogliono ridurre il loro uso di antidolorifici farmaceutici.

Come puoi vedere, i dati sembrano essere un buon segno del CBD come trattamento dell'emicrania. Almeno per la sua documentata sicurezza, sembra che valga la pena per coloro che vogliono ridurre l'assunzione di medicinali.

Come funziona il CBD?

Come funziona il CBD nel corpo umano è ancora un piccolo segreto. Mentre gli studi hanno dimostrato che il CBD è promettente nel trattamento dell'epilessia e di alcuni tipi di dolore cronico, sappiamo ancora molto poco su come funziona effettivamente.

Innanzitutto, ci sono alcuni segni che il sistema endocannabinoide del corpo e i suoi recettori, che sono collegati al CBD come una serratura e una chiave. È dimostrato che il sistema endocannabinoide svolge un ruolo nella funzione immunitaria, insieme ad altre cose come la memoria, l'ansia e la regolazione dell'umore.

Quali sono i vantaggi dell'olio di CBD?

Uno dei principali vantaggi di olio di CBD, soprattutto per i sostenitori del trattamento naturale, è il fatto che il CBD non è un farmaco prodotto farmaceuticamente con una moltitudine di potenziali effetti collaterali e interazioni negative.

Il CBD ha una serie di proprietà farmacologiche positive, tra cui antinfiammatorie, antiossidanti, antiemetiche, antipsicotiche e neuroprotettive.

L'olio di CBD è stato studiato nel trattamento del diabete, della depressione, dell'artrite e di altre malattie. Lo studio sottolinea anche il fatto che il CBD è sicuro in quanto non altera la frequenza cardiaca, la pressione sanguigna e la temperatura corporea e non influisce negativamente sulle funzioni psicomotorie e psicologiche.

Qual è la dose corretta di olio di CBD?

Sebbene non vi sia una dose raccomandata specifica, il CBD è stato dimostrato sicuro anche in quantità elevate. Come con qualsiasi integratore alimentare, è sempre meglio seguire le istruzioni sull'etichetta di un olio di CBD e notare come ti senti prima di apportare qualsiasi modifica.

Secondo uno studio di 2018, medicina della cannabis, gli eventi avversi sono principalmente correlati al THC, la cui equivalenza di dose giornaliera totale dovrebbe essere generalmente limitata a 30 mg / die o inferiore. Al contrario, il CBD è stato considerato molto meno efficace nello stesso studio, il che significa che potrebbe aver bisogno di dosi molto più elevate per il suo ulteriore beneficio nel dolore.

Come con la maggior parte degli integratori alimentari, è consigliabile iniziare con dosi più piccole per vedere dove inizia il sollievo e come reagisce il tuo corpo. Puoi aumentare il dosaggio straordinario per trovare la dose giusta per te.

Domande frequenti sull'olio di CBD

Quanto tempo impiega un effetto per avere effetto?

Proprio come l'efficacia di ciascun integratore alimentare può variare da caso a caso, così fa anche la quantità di tempo necessaria affinché si possa sentire l'effetto. Mentre alcune persone riferiscono di sentirsi sollevate in 30 a 45 minuti, altre hanno riferito che i rimedi petroliferi al CBD quasi immediatamente.

Il CBD mi rende alto?

No, il CBD non è una sostanza psicotropa, quindi non ha alcun effetto psichedelico.

Il THC è la sostanza chimica che produce gli effetti psichedelici presenti nei prodotti con un effetto psicoattivo. Il CBD non è affatto come il THC (tetraidrocannabinolo) e non ti rende "alto".

Ci sono effetti collaterali o rischi?

Quando si tratta di CBD in combinazione con THC, ci sono molti effetti collaterali. Tuttavia, l'olio di CBD puro è un'altra storia. Il CBD puro con 0.0% THC ha sorprendentemente pochi effetti collaterali che molti di noi probabilmente considererebbero bassi. I possibili effetti collaterali includono:

  • l'appetito cambia
  • diarrea
  • fatica

Non tutti sperimenteranno questi effetti collaterali e quanto possono variare gli effetti dell'olio di CBD. Tuttavia, l'olio di CBD è sicuro per la maggior parte delle persone. Per essere al sicuro, chiedi al tuo medico prima di aggiungere olio di CBD come metodo di trattamento alternativo.

Il CBD crea dipendenza?

No, l'olio di CBD non crea dipendenza.

Conclusione

Mentre chi soffre di emicrania continua a cercare sollievo che non sovraccarichi il proprio corpo di farmaci, la scienza è una sfida.

L'olio di CBD è uno dei molti modi in cui chi soffre di emicrania può ridurre il dolore e la dipendenza dai farmaci.

Con i suoi precedenti nella sicurezza e nella prevenzione della dipendenza, l'olio di CBD vale probabilmente la pena provare per molti malati di emicrania.

Ora che ne sai di più, puoi prendere una decisione informata se l'olio di CBD è giusto per te e dove puoi ottenere un prodotto puro e testato.


Hai già letto i libri?


34 commenti


  • AYbhEXTWsSk

    lRUjFmJBouP


  • jVXgKDkzOud

    JYEyplhawM


  • QOFJeGmgzTawtAUd

    snZAKuRJMTEP


  • wUlneMTX

    OVsoRHXK


  • qpHAmabIWFxTQKOr

    DylJFIvsBPqwE


lascia un commento


Si prega di notare che i commenti devono essere approvati prima della pubblicazione


Post correlati

USO DI CANNABIS COME MEDICINA NELLA STORIA
USO DI CANNABIS COME MEDICINA NELLA STORIA
Cannabis e cannabinoidi La cannabis o la marijuana è una pianta ampiamente utilizzata per vari scopi in tutto il mondo ...
Leggi di più
COME IL CBD PUO 'AIUTARE CON IL DISTURBO DEL SONNO
COME IL CBD PUO 'AIUTARE CON IL DISTURBO DEL SONNO
COME IL CBD PUO 'AIUTARE CON IL DISTURBO DEL SONNO Il cannabidiolo comunemente noto come (CBD) ha esaminato così tanti potenziali ...
Leggi di più
ASSORBENTE IL CBD ATTRAVERSO IL PULSANTE A PELLICCIA CON IL METODO PECHOTI
ASSORBENTE IL CBD ATTRAVERSO IL PULSANTE A PELLICCIA CON IL METODO PECHOTI
Molti saranno d'accordo sul fatto che il modo comune di consumare cannabis sia fumandolo, mangiandolo o godendosi il piacere di ...
Leggi di più

Gira per vincere Icona di spinner